Libera

Ho, da qualche giorno, queste immagini pronte.
Le ho lavorate subito, quasi appena scattate, tutte d’un fiato e con ancora il cuore che batteva scandito e deciso.

Erano qui, salvate in bozze in questo articolo del blog che aspettavano soltanto delle parole giuste che le accompagnassero.
Ma spesso le cose che vorrei dire o sono tante, tantissime, tutte diverse tra loro, piccole e delicate da maneggiare e articolarle con cura perchè rovinarle è un attimo oppure sono grandi, immense e profonde e in quel caso bisogna avere braccia forti per saperle lanciarle in aria con forza perchè solo così possono esplodere, sparpagliarsi, alleggerirsi e cadere fluide e diventare lettere da pigiare con un senso sulla tastiera.

Be insomma questa volta le parole, i pensieri e i concetti si rincorrono tra loro e a me non danno retta.
Provateci voi a richiamarli all’ordine. Mettetele voi le riflessioni per queste immagini.
Trovate le vostre.

Io so solo che mi sono divertita tantissimo, mi sono liberata nella luce, ho assecondato le mie sensazioni e mi sono lasciata trascinare dalle mie emozioni.
Ho scoperto che in una mamma in dolce attesa non c’è solo “una mamma”..ce ne sono tante. Tutte assieme e nello stesso preciso istante.
Splendide tutte dalla più vulnerabile alla più forte..splendide tutte..

La stessa cosa ho scoperto di me.
Non cerco sempre la stessa “sfumatura” in un’immagine. Ne cerco tante, tutte diverse e alcune volte ne scopro di nuove e bellissime per la prima volta.
Non posso essere sempre la stessa fotografa.

A voi non sembra veramente…veramente preziosissimo tutto questo?
Non trovate anche voi sia magnifica questa nostra unicità che ci distingue gli uni dagli altri?

Elisa è stata per me (oltre che coraggiosissima) tante mamme diverse a distanza di pochi minuti tra loro: in alcune protetta dal suo Sirius, in altre delicatissima in altre ancora senza limiti.

Io, anche.

La mia preferita è quella nelle uniche immagini che trovate editate in bianco e nero.
Li mi son sentita incredibilmente vulnerabile e.. libera.

 

 

 

 

 

Menu